STORIELLA VERAMENTE ACCADUTA

STORIELLA VERAMENTE ACCADUTA PIU’ O MENO COSI: TITOLO: IL PREMIO PER IL CONCORSO SULLA PACE NEL MONDO
Nella città di Milano nel 1972 fu organizzato in tutte le scuole medie un concorso per premiare l’opera artistica più coerente e più bella sull’argomento “la pace nel mondo”.
Molti furono gli studenti milanesi che parteciparono tra i quali Egidio e Lino.
Molte furono le opere artistiche che parteciparono al concorso, ma non tutti poterono vincere qualcuno dei primi tre premi.
Egidio e Lino furono tra quelli che vinsero, la loro opera dal titolo:”Vedete é più bello il mondo in pace!” che raffigurava due pianeti Terra uno disegnato diviso da molti confini e governato da spiriti di guerra, ed l’altro disegnato senza confini tutto di colore bianco e azzurro governato da spiriti di pace, dovete sapere che i due amici vinsero il secondo premio..
I due amici decisero di dividere il premio in parti uguali, il premio consisteva in vari articoli di cartoleria numerosi e di valore, i due amici li divisero in parti uguali e senza litigare tra loro..
Ironia della sorte i loro genitori invece litigarono, si litigarono per chi doveva inserire per primo il proprio nome e cognome sull’opera artistica , poiché secondo loro chi lo avrebbe messo per primo avrebbe fatto capire alla giuria che era il migliore tra i due, ci furono litigi e telefonate piene di bisticcio e frasi antipatiche, ironia della sorte a causa dell’aver partecipato al concorso del premio sulla pace nel mondo, le due famiglie litigarono e i due amici di conseguenza non poterono più frequentarsi..e quindi non ci fu più pace..
CONCLUSIONE:
Dovete sapere che i bambini ed i giovani molto spesso sono pacifici e amichevoli ma poi crescendo e diventando adulti, la vita purtroppo rende loro diffidenti del prossimo e antipatici con qualcuno..la competizione per il prestigio, fa loro dimenticare i sani principi della pace che tutti sanno essere la tolleranza, la comprensione e l’umiltà..così è la vita..
fine
L'immagine può contenere: cielo, montagna, albero, spazio all'aperto, natura e acqua

A PROPOSITO DI POTERI EXTRASENSORIALI

A PROPOSITO DI POTERI EXTRASENSORIALI
L’utilizzo del computer nel lavoro e la diffusione del mezzo informatico, sta stravolgendo prima la vita mentale e poi la vita spirituale dei lavoratori..
Soprattutto nelle grandi e medie aziende il datore di lavoro (un ingegnere, un ragioniere, un geometra) sempre di più preferisce assumere persone che nel momento di lavoro non sono soli quando devono prendere decisioni (poteri paranormali)..
Si è ormai diffuso l’obiettivo di avere come dipendenti persone molto intuitive, con molta memoria e controllabili a distanza dal capo nel loro lavoro svolto..
“mai disturbare i colleghi chiedendo informazioni personalmente”..sarete accusati di essere dei “selvaggi” meglio avere il potere di consultarsi telepaticamente desiderando di diventare uguali ai colleghi nel tipo di possessione causata dallo spirito..
Il lavoro impiegatizio e anche quello operaio a causa della robotizzazione e dell’uso della logica informatica non permette più errori, bisogna identificarsi con il computer ed essere disponibili a continui aggiornamenti di software…quindi memoria aiutata a lavorare…siamo tutti in concorrenza nella qualità del prodotto e nella commercializzazione…la competizione domina sovrana e quindi è necessario modernizzarsi..
Purtroppo se siete contrari allo sfruttamento lavorativo del vostro spirito guida é meglio che cambiate lavoro da voi prima che vi licenzino loro…poiché dovete essere in grado di dare consigli mediante la telepatia con lo spirito dei colleghi ed anche con chi collabora con voi..senza più dover comunicare verbalmente poiché è considerato un modo vecchio di risolvere i problemi..
Diventare uguali ed essere omogenei nel tipo di spirito significa avere stessi errori morali e stessi gusti sessuali al vostro capo, poiché dovete essere in grado di diventare lui in certi momenti..
Dico solo a chi si ritiene un “povero animale di tipo umano”..purtroppo sarete considerati dei selvaggi dai datori di lavoro..quindi incompatibili e portatori di difficoltà nel doversi inserire in un gruppo di lavoro moderno..
Come NAVIGATORE consiglio a queste persone (che una volta erano persone molto diffuse e normali) ora siete considerate invece persone anomale dagli imprenditori…consiglio a questo tipo di persona un qualunque lavoro svolto in modo autonomo..(elettricista, idraulico, camionista, muratore, imbianchino, dog sitter).
comunque sconsiglio di cercare lavoro come disegnatore tecnico, ingegnere oppure notaio..
Per avere le stesse opportunità di lavoro, la soluzione potrebbe essere uniformare l’automatismo cerebrale dei lavoratori nel pensiero cristiano..detto in poche parole..le regole del buon comportamento sono uguali per tutti..ed il vostro garante in caso di infrazione sarà un sacerdote..che informerà telepaticamente il vostro capo..che la chiesa e tutto il clero vi ha perdonato formalmente in confessione..quindi siete nuovamente considerati degli di essere tornati uguali a chi non ha peccati..
Tra due impiegati che dimostrano di avere lo stesso curriculum , si deciderà per l’assunzione in base alla suggestione di essere bravi cristiani o meno..
CONCLUSIONE:
Prima o poi sentirete il vostro capo dirvi:
“Non farmi sentire obbligato a spiegarti tutto, ma ti devo spiegare proprio tutto, voglio che dimostri un tuo apporto valido al lavoro da svolgere”
Purtroppo gli psicologhi prezzolati predicano modernità e permissività sessuale nell’educare le giovani generazioni…poi nel mondo del lavoro i giovani si accorgono che la realtà é un altra e che non si può essere noi stessi, cioè non si può avere vissuto una vita a modo nostro, poiché siamo bisognosi di inquadramento sessuale in azienda e di essere simili al capo..
Questo mio scritto non è una protesta decisa, ma un tentativo di ampliare le vedute degli psicologhi del lavoro, attualmente le loro intenzioni sono solo impegnate a selezionare i lavoratori..impedendo a chi cerca lavoro le pari opportunità che sono volute dalla costituzione italiana..
PACE E BENE

Nessuna descrizione della foto disponibile.

INVENTARE METODI NUOVI A VOLTE E’ NECESSARIO

 “la idea nuova”..

 Un giorno nel nostro mondo  accadeva che:

Un uomo si perse sui sentieri nel salire sulle salite irte di  un altipiano (vita confusa).

Esaurite le forze e pieno di stanchezza e con la gola secca….(vari errori morali)

Egli si trascinava penosamente sulle ghiaie roventi sulla salita e sotto il sole in quanto il prato erboso era terminato..(sopportare i rimproveri)

Improvvisamente vide un po’ lontano davanti a lui cento metri circa distante ..un casolare …(qualcuno ha inventato per lui filosofie esistenziali nuove)

Ancora più sconfortato pensò: “quella casa è disabitata di certo chi verrebbe ad abitare qui..inutile arrivarci, non la raggiungerò per evitare la fatica,  ma  mi fermerò invece qui sotto il sole e farò una sosta, a mio parere è inutile continuare  . Io vorrei credere che laggiù c’è qualcuno che mi può confortare e rifocillare meglio,  ma forse questi sono i desideri profondi del mio subconscio e in quella casa in realtà non c’è nessuno…(non si fida al  meglio delle idee nuove che sente consigliare).

Senza più speranza e con molto pessimismo, sentendosi molto stanco, pensando che quella casa che vede lontano  non è di certo un rifugio per i viandanti come lui, l’uomo si sedette esanime al suolo e si mangiò tristemente il suo  panino asciutto e bevve la sua acqua troppo tiepida dalla sua borraccia, mentre si nutriva malamente del poco cibo purtroppo sotto un sole cocente, ammise di essere un uomo sfortunato e disagiato …(non ha fede è passa una giornata triste, vinto dalla sua logica ormai vecchia)

Poco tempo dopo al tramonto, discesero dalla direzione di  quella casa due viandanti. Il nostro poveretto ancora seduto sotto il sole, era pronto per tornare a valle anche lui ed era in viso tutto arrossato per il caldo, mentre i viandanti erano invece belli freschi e riposati, vedendolo così avvilito e sudato essi commentarono…(coloro che hanno avuto fede saranno più felici e vi giudicheranno)

 “Ehi! ci capisci qualcosa tu?” disse il primo viandante

“quel tipo era così vicino al rifugio, con il ristorante a due passi e gli alberi e il prato erboso su cui farsi un pisolino e con i servizi ben organizzati  per rinfrescarsi, ha preferito invece fare sosta qui su questa pietraia. Quello non ha capito che sforzandosi un po’ di più poteva passare meglio la sua giornata”.

“Com’è possibile..sarà forse stolto?  Disse l’altro scuotendo la testa e vedendo lo sfortunato riassettarsi lo zaino stancamente (sarete giudicati poco furbi infatti credete ancora che ci siano limiti al libero arbitrio).

 Lo sperduto sentendoli così borbottare si avvicinò e  disse in risposta: “forse sono stato un po’ severo, ottuso e retrogrado  e forse sono uno che non si sa aiutare da solo..però adesso vi chiedo, permettete che io  vi segua e che io termini questa tremenda giornata. ”

E così tutti quanti i viandanti tornarono in paese…chi felice di avere passato una bella giornata e chi stufo di se stesso.

 “Quale è l’insegnamento di questa storia?”

A PROPOSITO DI CREAZIONE

Molti tra noi hanno commesso errori e molti non sono sani perfettamente..come mai il Signore ci ha voluti così vulnerabili allo spirito e nella salute?
Sono state dette molte ipotesi al riguardo di questo motivo, la più ascoltata e ritenuta credibile è questa:
Che il Signore ci vuole uniti nell’amore e nel donarsi agli uni e agli altri, che sia l’amore e la virtù della carità a consigliare l’esistenza umana, siano queste le uniche soluzioni per risolvere tutti i problemi causati dalla nostra vulnerabilità..

A PROPOSITO DI CRISI SPIRITUALI

A PROPOSITO DI CRISI SPIRITUALI
Chi crede ed obbedisce soltanto al Codice Civile ritiene che non esista un problema di natura spirituale nella gente, di conseguenza la crisi spirituale per loro sarebbe dovuta ad una malattia del sistema nervoso ,ad un esaurimento spontaneo della persona causato da carenze nutritive oppure da diversità genetiche..
Chi crede nel messaggio di Gesù e del Santo Vangelo invece ammette l’esistenza dello Spirito e dell’Anima, e ritiene quindi che esiste una influenza spirituale tra i differenti corpi umani o corpi di animali, di conseguenza pur essendo soli nella realtà, in verità non siamo soli per davvero, vicino a noi di invisibile a noi c’è qualcosa di etereo che ci giudica e ci influenza e che ci causa a volte buon comportamento oppure a volte cattivo comportamento, per la persona di chiesa questa situazione (la cattiva presenza spirituale in noi) é un valida attenuante al problema morale dell’esistenza umana..e considerando, a causa di questo, vulnerabile l’intero essere umano, siamo in grado di comprendere il motivo per il quale il Signore preferisce perdonare chi si pente dei suoi peccati anziché punirlo per sempre..
La domanda allora diventa la seguente: COME MAI IL SIGNORE HA CREATO L’UOMO E LA DONNA VULNERABILI NELLA SALUTE E NELLO SPIRITO?
La mia opinione personale, ma è solo un parere spontaneo senza pretese, é che il Signore ci ha creato vulnerabili (se non tutti, di certo molti di noi) poiché vuole che si abbia bisogno dell’aiuto del nostro prossimo, cioè che si abbia bisogno gli uni degli altri, per favorire l’Amore cristiano e la Fratellanza e per consigliare l’umanità alla virtù della Carità..
fine

RAGIONAMENTI ANTICONFORMISTI

RAGIONAMENTI ANTICONFORMISTI PER TUTTI..
LA GENTE PENSA CONSIDERAZIONI COMUNI E SCONTATE…MA SE UTILIZIAMO UN DIFFERENTE PUNTO DI VISTA ..COSA ACCADE?
1)PROBLEMA : IL NON AVERE FATTO FIGLI NELLA VITA
Se la buona sessualità é stata vissuta da voi molte volte..soprattutto quando eravate giovani…ma non avete avuto figli che vi aiutano nella vecchiaia..
Considerate in questo modo: che quello che avete risparmiato in trent’anni nel non dovere mantenere uno o due figli ora lo avete a disposizione sul conto corrente e potete quindi finanziare l’aiuto a pagamento di una brava infermiera esperta nel suo lavoro..ella sarà professionale ed educata psicologicamente dal corso di specializzazione frequentato..sarà scelta da voi tra le tante che si offrono….


2)PROBLEMA: NON AVETE MAI VINTO CIFRE IN DENARO MOLTO CONSIDEREVOLI ALLA LOTTERIA OD AL GRATTA E VINCI.
Se siete benestanti economicamente, dopo 40 anni di periodo lavorativo di certo lo sarete..potete considerare in questo modo:
direte che credete nelle probabilità e non nella fortuna…e come non cade l’aereo, come non affonda la nave, come non capita l’incidente che vi farà finire in galera…come non capita che vi ammalate di cancro…dovete sapere che queste cose non accadono poiché le probabilità al capitare sono pochine…di conseguenza non lamentatevi se a causa delle poche probabilità poi non vincerete alla lotteria poiché é coerente anche questo con il vostro ragionamento..quindi gioiamo tutti insieme del fatto che sono le tante probabilità o le poche probabilità a decidere il destino di noi tutti..e non l’oroscopo..
Salute a tutti

L'immagine può contenere: fiore, pianta e natura

IL LUPO E LA PECORA

FAVOLE DI EGIDIO
Titolo: Il lupo e la pecora
Un giorno un lupo era affamato e così si mise in cerca per il bosco di una pecorella lontana dal suo ovile.
Finalmente il lupo incontrò una pecorella che stava da sola e si avvicinò a lei e gli disse:
“Cara pecorella così buona e gentile, proprio perché sei buona.. dai fatti mangiare da me!”
e la pecora rispose:
“No! perché mi vuoi mangiare? non sai che io sono un animale mite e pacifico, non mi sembra giusto che tra i tanti devi mangiare proprio me!”
Fu così che il lupo capì che per convincere la pecora ad accettare di morire doveva fare il furbo e così disse:
“Cara pecora io so tutti gli errori che hai commesso e quindi se non vuoi soffrire a sentirteli raccontare.. fatti mangiare e non proverai più dispiacere nel ricordarli!”
e la pecora rispose tranquilla e calma:
“No! Brutto lupo devi sapere, che si! è vero che ho commesso degli errori, ma è anche vero che il Buon Pastore mi ha perdonato, e quindi io voglio e posso vivere”
Fu così che anche quella volta il cattivo lupo si arrese e se ne andò restando senza mangiare.
fine

AVVISO A CHI PIACE SCRIVERE DEL PIU’ E DEL MENO

CHIUNQUE SCRIVA QUALCOSA DEVE PREOCCUPARSI DI NON DARE DISPIACERE AL PROSSIMO PERMETTENDO L’INCREDULITA’ DI CIO’ CHE SI E’ SCRITTO…
Molta gente che scrive é obbligata a mantenere un obiettivo, ma a volte non si rende conto che scrivendo affermazioni o rimproveri potrebbe causare dispiacere a chi legge i suoi scritti, esiste gente debole nel carattere e nella personalità che potrebbe reagire allo scritto con intenzioni ad esempio suicide..oppure farsi del male in altro modo in preda al dispiacere causatogli..
Bisogna a fin di bene quindi permettere a chiunque il beneficio del dubbio e di essere increduli a qualunque cosa scritta anche se la abbiamo scritta noi..

LA VERITA’ E LA MENZOGNA

Novella: La verità e la menzogna

(Non sono io lo autore di questa novella  comunque mi piace lo stesso)

La leggenda vuole che un giorno la verità e la menzogna si siano incrociate.

-Buongiorno. Disse la menzogna.
-Buongiorno. Rispose la verità.
-Bella giornata. Disse la menzogna.
Quindi la verità si sporse per vedere se era vero. Lo era.
-Bella giornata. Disse allora la verità.
-Il lago è ancora più bello. Rispose la menzogna.
La verità guardò verso il lago e vide che la menzogna diceva il vero e annuì.
La menzogna disse:
-L’acqua è ancora più bella. Nuotiamo.
La verità sfiorò l’acqua con le dita ed era davvero bella e si fidò della menzogna.

Entrambe si spogliarono e nuotarono tranquille.
Qualche tempo dopo la menzogna uscì, si vestì con gli abiti della verità e se ne andò.
La verità, incapace di vestire i panni della menzogna, cominciò a camminare senza vestiti e tutti erano inorriditi nel vederla così.

Questo è il modo in cui ancora oggi le persone preferiscono accettare la menzogna camuffata come verità e non la nuda verità. ”

(Autore sconosciuto da me)

COMMENTO:

La Verità nuda è cruda la comprendono solo i bambini…gli adulti per dare retta alla diplomazia…la rendono leggermente un pò bugiarda..scegliendo così di non far soffrire coloro che danneggia..